Spokom - Sporadike Komunicazioni - Petrivelli Stefano

SpoKom - Sporadike Komunicazioni - Petrivelli Stefano

A rota libera

 

Vesto poco e male.
Vesto e svesto tutti quelli che mi vengono sotto.
Tutte le mie girls che mi portano in trionfo.
Mmmmmmmmmmmmmhhhh...h..h
Ora mi sveglio.
Sono poco lucido e quindi sogno sempre.
Se sogno di fare una cosa a qualcuno la faccio.
Non mi tiro indietro.
√ą una storia antica quella della mia follia.
Anni e anni.
Perso in un limbo dove c'è nebbia che ti fotte il cervello.
Insani.
Siamo tutti un poco matti.
I titoli di coda passano e tu non li leggi.
Potrebbero dire che tua madre è una bagascia ma tu non riesci 
                                                  [a leggerli.
E quindi ti vanno bene.
Tutto ciò che non capiamo ci risulta superfluo.
Poi mettiamo firme su dei fogli e ci fottiamo da soli.
Non leggiamo perché non sappiamo leggere.
Non leggiamo attentamente.
Le righe visibili ne nascondono altre che si muovono
                                              [sfuggevolmente.
Hanno un'invisibilità completa nei confronti dei poveri 
                                      [uomini stupidi come me.
Non mi raccapezzo.
Vorrei sfasciare tutto ma ci sono delle fottute regole
                                              [ad impedirmelo.
Non sei padrone di niente.
La tua vita è in mano ad egoistici individui che ti dicono
                                [quanto per loro sei speciale.
Ma finché campi, questo essere speciale, questo volerti bene
                                    [non te lo dimostrano mai.
Sanno che gli servi.
Sanno che possono sfruttarti per non crollare.
Tutti che puntano sugli altri.
Nessuno punta unicamente su se stesso.
Tutti che scommettono su un altro cavallo.
Non è detto che sia poi il migliore o quello vincente.
Ma si ostinano.
Non pensano che sia meglio perlomeno sbagliare da soli.
Hanno dato in prestito questa vita che è gia pessima di suo.
Pensano di migliorare.
Pensano di essere speciali.
Pensano ma non realizzano niente di ciò che pensano.
Arrivano a soluzioni universali.
Ma non si sanno poi allacciare le scarpe.
Non fanno neanche l'amore contenti.
Lo fanno per abitudine, noia, senza sentimento...
Aggiungi te.
Allunga l'elenco.
Saprai tutto di me. Ti informerò a tempo dovuto.
Una volta che il fatto sarà compiuto.
Tendenze suicide???
No.
Direi tendenze a liberarsi di tutti 'sti avvoltoi che stanno
                         [sulle mie spalle e gufano di brutto.
Gufano su una vita già compromessa.
Ma non gli basta.
Basta che parlano e sono felici.
Basta che fanno qualcosa.
Se no si sentono esclusi.
Tendenze omicide che portano al gabbio.
Ci vediamo a "Regina Coeli".
Mi accomoderò su sto scalino e m'addormenterò.
Felice di sapere che c'è qualche cretino di meno nella
                                                    [mia città.
Sapendo che una vita è finita.
E non rinascerà.
Roma 04-03-2003  

Aggiungi ai preferiti - Aggiungendo varie poesie ai preferiti potrai generare un pdf da stampare o conservare (max 20 poesie per pdf)

Scarica la poesia in pdf Stampa la poesia

0 Commenti